“Ogni opera ha una sua storia, diversa per ogni spettatore, essendo promanazione della percezione soggettiva della realtà, delle esperienze maturate e delle contingenze quali umore e stato d’animo. Ogni individuo percepisce le opere in modo del tutto personale, prova della capacità dell’arte pittorica di comunicare un messaggio unico e irripetibile a ciascun soggetto che ne fruisce. Il ritratto non è cosa distinta dall’individuo ma, al contrario, lo compenetra, trasformandolo da spettatore a protagonista. Il flusso di comunicazione tra l’opera e le esperienze pregresse dello spettatore ne ridefinisce i contenuti attraverso il filtro delle esperienze e dei trascorsi di vita. L’assenza del dettaglio ne stimola l’immaginazione, la creazione, la trasformazione, sulla base dei propri ricordi, fungendo la semplificazione dei tratti da motore della definizione autonoma dell’opera da parte dell’individuo. Ritengo sia proprio questo il vero scopo dell’arte: interagire con chi l’osserva e comunicargli il suo vissuto. particolare e unico”.

Biografia

Nata a Mosca nel 1993, muove i suoi primi passi presso la scuola storica d’Arte Moscovita di Serov, istituto dove apprende l’utilizzo del ritratto come veicolo di trasmissione delle emozioni attraverso la forma e colori.
Terminata la scuola d’arte, prosegue il suo percorso artistico presso l’Università Statale Sociale Russa, dove studia design, con l’ambizione di unire il lato estetico e creativo a quello industriale.

Dopo una breve parentesi come pittrice e graphic designer, si trasferisce in Italia dove inizia una nuova esperienza formativa alla Sapienza nell’ambito della comunicazione visiva e multimediale, approfondendo allo stesso tempo le tematiche fondamentali dell’arte, dal cui studio scaturisce una serie di ritratti che compongono la mostra”Your story in Art”.

Biografia

Nata a Mosca nel 1993, muove i suoi primi passi presso la scuola storica d’Arte Moscovita di Serov, istituto dove apprende l’utilizzo del ritratto come veicolo di trasmissione delle emozioni attraverso la forma e colori.
Terminata la scuola d’arte, prosegue il suo percorso artistico presso l’Università Statale Sociale Russa, dove studia design, con l’ambizione di unire il lato estetico e creativo a quello industriale.

Dopo una breve parentesi come pittrice e graphic designer, si trasferisce in Italia dove inizia una nuova esperienza formativa alla Sapienza nell’ambito della comunicazione visiva e multimediale, approfondendo allo stesso tempo le tematiche fondamentali dell’arte, dal cui studio scaturisce una serie di ritratti che compongono la mostra”Your story in Art”.

Nello stile prevale l’utilizzo del colore pastello e la deformazione delle figure, le quali diventano espressione di stati d’animo e aspetti della realtà umana, accentuandone i valori emozionali ed espressivi. 
Attraverso l’utilizzo dei colori puri naturali, l’immagine si carica di un forte impatto emotivo che – nell’esprimere lo stato d’animo dell’artista – evidenziano una nuova sensibilità estetica verso la manifestazione esteriore delle emozioni.
Nell’arte prevalgono l’accentuazione cromatica, il tratto forte e deciso e la drammaticità dei contenuti. 
I dipinti sono caratterizzati da forme appiattite e linee controllate, con l’espressione che domina sui dettagli.
Si parte dalla raffigurazione della realtà, trasformandola poi in forme semplificate attraverso l’accostamento di colori primari e secondari puri, equilibrati, quasi privi ormai di riferimento alla descrizione naturale. L’equilibrio si trova nell’accostamento tra i colori, il loro accordo o contrasto, non nel colore in sé. 
La forte valenza decorativa è accentuata dalla semplificazione delle forme e dalla bidimensionalità. La plasticità si trasforma in una rigorosa organizzazione di superfici colorate, dando un suo ritmo e movimento ai tratti.
Alla definizione dello stile concorrono soprattutto la conoscenza della pittura dei postimpressionisti e fauvisti dai quali prende la sensibilità per il colore e la risoluzione dell’immagine sul solo piano bidimensionale

Concept
Concept

Nello stile prevale l’utilizzo del colore pastello e la deformazione delle figure, le quali diventano espressione di stati d’animo e aspetti della realtà umana, accentuandone i valori emozionali ed espressivi. 
Attraverso l’utilizzo dei colori puri naturali, l’immagine si carica di un forte impatto emotivo che – nell’esprimere lo stato d’animo dell’artista – evidenziano una nuova sensibilità estetica verso la manifestazione esteriore delle emozioni.
Nell’arte prevalgono l’accentuazione cromatica, il tratto forte e deciso e la drammaticità dei contenuti. 
I dipinti sono caratterizzati da forme appiattite e linee controllate, con l’espressione che domina sui dettagli.
Si parte dalla raffigurazione della realtà, trasformandola poi in forme semplificate attraverso l’accostamento di colori primari e secondari puri, equilibrati, quasi privi ormai di riferimento alla descrizione naturale. L’equilibrio si trova nell’accostamento tra i colori, il loro accordo o contrasto, non nel colore in sé. 
La forte valenza decorativa è accentuata dalla semplificazione delle forme e dalla bidimensionalità. La plasticità si trasforma in una rigorosa organizzazione di superfici colorate, dando un suo ritmo e movimento ai tratti.
Alla definizione dello stile concorrono soprattutto la conoscenza della pittura dei postimpressionisti e fauvisti dai quali prende la sensibilità per il colore e la risoluzione dell’immagine sul solo piano bidimensionale

WordPress Video Lightbox Plugin